di Filippo Testini

ROMA – Bologna, Cesena, Reggio Emilia, Trieste, Udine e Serravalle. Queste le tappe di un’estate che, forse, non sarà “magica” come quella dei Mondiali del ’90, ma ancor prima di cominciare ha già fatto la storia. Perché per la prima volta l’Europeo Under 21 si disputerà, dal 16 al 30 giugno, su suolo italiano (seppur condiviso con un socio di minoranza come San Marino). E una serie di eventi collaterali colorerà la manifestazione sportiva: videogiochi, cultura, fair play e tanto altro. Un’occasione per vivere a pieno il senso del calcio: condivisione e divertimento, a prescindere dal risultato.

La condivisione sembra essere proprio il caposaldo dell’iniziativa lanciata a Trieste. In onore delle dodici Nazionali partecipanti al torneo, infatti, sono stati allestiti altrettanti totem in città. Su ognuno di essi è dipinta la bandiera del Paese ed è esposto il calendario dell’Europeo che ogni giorno verrà aggiornato con il risultato delle partite. Un simpatico benvenuto per i giovani campioni, ma anche un messaggio di eco-sostenibilità. I totem, infatti, saranno dotati di impianti fotovoltaici.

A Cesena, domenica 16 giugno, piazza della Libertà si trasformerà in un festoso e colorato fan village. Musica, intrattenimento e animazione faranno da contorno a una particolare esperienza virtuale. Grazie alla realtà aumentata, infatti, verranno create delle aree dedicate agli e-sports. A impreziosire il tutto, anche la partecipazione di alcuni tra i più affermati e-gamers professionisti.

Dimostrare che un evento sportivo può e deve essere capace di mettere in luce importanti valori quali l’accoglienza e il rispetto per gli altri è l’obiettivo di Reggio Emilia. Oltre 500 tifosi azzurri prenderanno parte alla partita Italia-Belgio di sabato 22 giugno come gruppo organizzato “Scuola di Tifo”. «Nel percorso di avvicinamento a questo grande evento – spiega Emanuele Maccaferri, presidente dell’Associazione – siamo ripartiti dalle basi: l’inno avversario non si fischia, si ascolta e si applaude. Se da un lato siamo certi che i giovani che hanno partecipato alle nostre attività a scuola sapranno mettere in pratica gli insegnamenti ricevuti, dall’altro la speranza è che anche gli adulti ed accompagnatori sappiano essere esempi positivi sugli spalti».

Iniziativa assai diversa ma che fa capire l’importanza dell’evento in città è quella presa dalla società Bologna Calcio. Tutti i tifosi del club rossoblu che hanno già acquistato o acquisteranno il pacchetto di biglietti per le tre gare dell’Europeo in programma al Dall’Ara si vedranno scontare il prezzo dell’abbonamento alle partite interne dei felsinei nella Serie A 2019-20. E non solo. Si partirà sabato 8 giugno nell’ambito di “Notte in Borgo”, quando a Borgo Panigale ci sarà il “Photobooth” dell’Europeo. Per tutti i tifosi, o semplici curiosi, sarà possibile farsi immortalare con una foto ricordo personale, oltre a ricevere gadget e coupon sconto per i tagliandi delle partite. Domenica 9, invece, la Coppa ufficiale del torneo sarà esposta in piazza XX Settembre. Grazie alla tecnica della realtà virtuale 3D, gli appassionati avranno la possibilità di scendere sul campo e giocare, virtualmente, con alcuni calciatori della Nazionale U21, tra i quali l’attaccante del Bologna Riccardo Orsolini e i suoi compagni Manuel Locatelli e Rolando Mandragora.

A Udine non solo maxischermi e divertimento per i bambini. Il “Salottino sportivo di Bruno Pizzul” presenterà tutti gli eventi della città. Tra i più curiosi lo spettacolo folkloristico delle due nazioni (Spagna e Italia): un’esibizione di flamenco “sfiderà” quella di folklore friulano. Mentre il 22 giugno ci sarà un torneo, sponsorizzato dalla Figc, dove parteciperanno le squadre di calcio U16 che rappresentano le società gemellate con l’Udinese Calcio (Heeslingen per la Germania, Villach per l’Austria e Maribor per la Slovenia). E al termine dell’evento tutti i giocatori insieme ai loro accompagnatori (un totale di quasi 100 persone) riceveranno i biglietti gratis per assistere alla sfida della Germania.

Una fan zone sarà allestita a Serravalle. Alla Cava dei Balestrieri si potranno degustare prodotti tipici a chilometro zero, ma anche divertirsi con il tiro con l’arco o il biliardino. Il centro storico sarà allestito ad hoc per offrire a tutti i tifosi un’esperienza unica nel suo genere. All’interno dello stadio, invece, sarà predisposta una postazione dove due tifosi, pescati a caso tra il pubblico, si sfideranno in una dimostrazione virtuale di calci di rigore. Non possono mancare iniziative per il sociale. Nella giornata del 18 giugno, in occasione della partita tra Romania e Croazia, nella palestra di Falciano si svolgerà una partita di calcetto tra i ragazzi ipovedenti. Al termine della gara le due squadre potranno assistere alla partita grazie alle cuffiette bluetooth con una radiocronaca fatta da giornalisti formati appositamente per loro.