Il Solstizio d’Estate visto da “casa” di Montalbano

187

di Giulia Polito

Marina di Ragusa, in particolare Punta Secca. Un tratto della cosa siciliana che in pochi conoscono con il suo vero nome. In molti invece la conoscono come Vigata, la cittadina immaginaria diventata celebre grazie al genio di Andrea Camilleri che proprio qui ha deciso di far vivere il “suo” commissario Montalbano. Caso ha voluto che proprio in queste ore, in cui il maestro è ancora ricoverato in ospedale, uno scatto fotografico del paesaggio siciliano sia stato scelta dalla Nasa come foto astronomica del giorno. Una foto dietro cui c’è un lungo lavoro di ricerca. Obiettivo: “mostrare” il Solstizio d’estate, raccontare la danza del sole lunga un anno.

L’autrice del lavoro è Marcella Giulia Pace, dell’Unione Astrofili Italiani (Uai). All’Ansa.it ha spiegato: «La foto è il risultato di un lungo lavoro che abbraccia un periodo compreso tra il Solstizio d’inverno e quello d’estate tra il 2018 e il 2019». Pace ha fotografato il Sole ogni 10 giorni dalla stessa postazione di Gatto Corvino, a Marina di Ragusa, e allo stesso orario per un anno. Salta fuori il disegno di una curva a forma di otto disegnata in cielo. «E’ denominata analemma e a me piace pensarla come un pesce che si tuffa nelle acque del Mediterraneo, le stesse in cui fa il bagno il commissario Montalbano».